Schermata 2018-11-09 alle 19.49.54.png

con il contributo di: 

• Comune di Cortina d'Ampezzo

con il patrocinio:

• Consiglio Nazionale dell'Ordine degli Architetti, Pianificatori Paesaggisti e Conservatori CNAPPC

• Ordine Architetti PPC di Belluno

• Fondazione Architettura Belluno Dolomiti

• 

evento in collaborazione con:

• Una Montagna di Libri

• Cortina Fashion Weekend

• Cortina for Us

• LightsON

• ISAM srl​

da Edoardo Gellner

alle esperienze contemporanee

L'ARCHITETTURA DEL COLORE

convegno di architettura alpina

 

Leggi "Non dimentichiamoci del colore", il resoconto del convegno sul Giornale dell'Architettura firmato dall'inviato Marco Perletti.

7 dicembre 2018

Sala Cultura - Palazzo Poste 1.piano

32043 Cortina d'Ampezzo/BL

registrazione partecipanti

ore 9:30 - 13:30

saluti e introduzione alla sessione della mattina

 

Pietro Zennaro

Il colore al tempo dell’effimero

 

Renato Barilli

Il colore nell’architettura di Gellner e il postmoderno

 

Clino Trini Castelli

Architettura del colore “No-form”

 

 

ore 15:00 - 18:00

saluti e introduzione alla sessione del pomeriggio

        

Il colore dell’architettura

tavola rotonda con:

Antonio De Rossi

Adriano Oggiano

Andrea Canziani

Enrico Scaramellini

Architettura e colore nelle pagine di The Plan

Nicola Leonardi

ore 18:00 - 19:00    

Aspettando una Montagna di Libri - Winter edition    

Tutti i colori del libro

Francesco Chiamulera

Beppe Cantèle

Roberto Abbiati

«I temi del colore, della matericità del costruito rappresentano una questione centrale del progetto architettonico e paesaggistico in montagna, e più in generale delle trasformazioni territoriali e edilizie. Il lavoro di architetti che hanno lavorato nel corso del ‘900 sulle Alpi, come Edoardo Gellner o Charlotte Perriand, dimostra l’importanza della componente coloristica nella produzione architettonica di qualità. Oggi prevalgono invece soluzioni più conservatrici, che dietro l’idea di una presunta “tradizione” prospettano un paesaggio montano sovente stereotipato, rispondente in primo luogo alle logiche turistiche e agli immaginari urbani sulla montagna. L’incontro, con la presenza di progettisti e esperti del tema, ha come obiettivo una riflessione sul rilancio dei temi del colore e della matericità in architettura, a partire da più punti di vista: il progetto contemporaneo e la sua capacità di essere elemento di innovazione, la tutela e la valorizzazione delle esperienze storiche della modernità, il ruolo degli strumentari di indirizzo e normativi»  (Antonio De Rossi)

                       

__________________________________________________________________________________________

i relatori:

PIETRO ZENNARO: architetto, perfezionato in filosofia estetica, si occupa di pensiero contemporaneo nel colore, arte e architettura. Docente presso l’Università Iuav di Venezia è membro dell’AIC International Colour Association e dell’ECD Environmental Colour Design Group.

RENATO BARILLI _ professore emerito presso l’Università di Bologna, ha svolto una lunga carriera insegnando Fenomenologia degli stili al corso DAMS. È autore di numerose pubblicazioni e curatore di importanti mostre sull’arte italiana tra ‘800 e ‘900.

CLINO TRINI CASTELLI _ artista e designer si occupa della ricerca sull’identità emozionale dei prodotti nel settore industriale. Il suo concetto di “noform” privilegia il progetto degli aspetti più intangibili della figurazione, come il colore e la materia, la luce e il suono.

ANTONIO DE ROSSI _ architetto e professore ordinario è direttore dell’Istituto di Architettura Montana e coordinatore del dottorato in Architettura Storia e Progetto presso il Politecnico di Torino. Nel 2015 con il libro “La costruzione delle Alpi” ha vinto i premi Rigoni Stern e Acqui Storia.

 

ADRIANO OGGIANO _ Architetto, dal 1985 ricopre ruoli di dirigente presso l’amministrazione provinciale dell’Alto Adige nel settore sviluppo del territorio, tutela e pianificazione del paesaggio. E’ membro di molte commissioni di valutazione a livello provinciale e comunale.

 

ANDREA CANZIANI _ architetto e docente universitario, si occupa di restauro dell’architettura del ‘900. Già segretario generale di DoCoMoMo Italia, è attualmente impegnato nel DOCOMOMO International Fa parte dell’ICOMOS Expert Members Board International Scientific Committee on

20th Century Heritage.

ENRICO SCARAMELLINI _ architetto e docente presso il Poltecnico di Milano ha indagato il tema degli spazi minimi e delle microazioni di trasformazione dello spazio naturale. Nel 2014 ha partecipato alla 14° Biennale di Architettura di Venezia con il progetto “Warderobe in the landscape”.

NICOLA LEONARDI _ ingegnere, nel 2001 ha fondato la rivista internazionale di architettura THE PLAN di cui è direttore ed editore. Nel 2009 fonda la piattaforma dei forum Perspective, con base in UK e negli USA, che si pone come network per imprese italiane e gli studi di progettazione internazionali.

FRANCESCO CHIAMULERA _ laureato in Storia contemporanea persso la Sapienza Roma, ha studiato presso la Boston University Massachusetts. E’ ideatore e responsabile dal 2009 della rassegna letterari Una Montagna di Libri. Scrive per il Corriere, Vogue e Corriere del Veneto. E’ autore di “Candidato Reagan” Ed. Aragno 2013.

BEPPE CANTELE _ avvocato civilista. Insieme alla professione coltiva da sempre gli studi storici, l'interesse per la storia del libro e della stampa, la bibliografia e la tipografia. È autore di saggi storici du Roberto Ridolfi e su Machiavelli. È direttore della Ronzani Editore Vicenza, da lui fondata nel 2015.

ROBERTO ABBIATI _ Attore, musicista e illustratore, Dalla passione per "Moby Dick" sono nati alcuni originali lavori teatrali poi diventi opere letterarie illustrate. Nel 2017 è uscito per Keller il suo romanzo a disegni "Moby Dick o la Balena", liberamente ispirato al capolavoro di Hermann Melville.