100 anni di architettura

EDOARDO GELLNER

100 anni di architettura

 

Centro Congressi Alexander Hall

Cortina d'Ampezzo

19 luglio - 19 settembre 2009

 

a cura di:

Michele Merlo

 

coordinamento:

Rossella Meucci Reale

 

Per comunicare in maniera efficace e immediata lo spirito innovatore dell’architettura di Edoardo Gellner anche a un pubblico non solo di addetti ai lavori, è stato scelto come criterio generale dell’allestimento il metodo dell’installazione in cui gli oggetti di arredo, le immagini e i modelli di architettura vengono composti e ambientati per ricreare lo spirito di una architettura.

 

La sala di ingresso, denominata “Spazio Gellner”, è stata concepita come un salotto di architettura nel quale trovano posto il tecnigrafo di Gellner con alcuni suoi diplomi e benemerenze, il banco informazioni che ripropone il motivo delle finestrelle quadrate della colonia di Corte di Cadore, un bookshop dedicato all’architettura e uno spazio per incontri e conferenze arredato con sedie e tavoli della colonia di Corte. Sulla parete di fondo è stata collocata la serie di disegni di architettura e paesaggio realizzati in due album da Gellner tra il 1943 e il 1945, riguardanti monumenti di Trieste, Venezia, Firenze, Roma e la prime ricerche sul paesaggio rurale di Cortina d’Ampezzo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



 

 

 

 

Sala espositiva: la prima parte è dedicata al profilo biografico e ai luoghi in cui Gellner ha operato, non solo dunque Abbazia e Cortina, ma un po’ tutta l’Italia da Sampeyre e Gela, dall’Elba a Matelica, con qualche puntata estera in Olanda, Germania e Tunisia. Il catalogo generale delle opere di Gellner supera le 500 voci che sono state qui divise e ordinate per epoche evidenziando inoltre la consistenza degli arredamenti rispetto al più generale mestiere di architetto.

 

Al centro della sala, l’elemento scenico principale è un grande trittico che ripropone esattamente le dimensioni modulari di una villetta di Corte di Cadore: 4.88 metri per il soggiorno, 2.44 metri per la cucina e i servizi, 3.66 metri per la camera da letto. Questo elemento posto in diagonale nella sala consente di ottenere nell’unità dello spazio sei ambientazioni diverse:

• La casa Gellner
• Il modello del centro sociale del villaggio di Corte di Cadore
• Un pannello con la descrizione degli elementi di Corte di Cadore e la planimetria del progetto.
• La chiesa di Corte di Cadore
• Gli arredi delle villette di Corte di Cadore
• L’ambientazione di un interno di una villetta

 

Sulla parete di fondo sono stati collocati una serie di elementi distinti di arredo quali tavoli, sedie, lampade, modelli e fotografie che nel complesso costituiscono un unico oggetto gellneriano fatto di materiali, essenze (il mogano, il noce), forme e colori. Al centro sono state collocate anche tre cassettiere originali dello studio che contengo disegni di arredamento di varie epoche e tecniche (dallo schizzo a mano libera, al guazzo alla china al disegno quotato) che testimoniano la grande abilitł di Gellner nel dominare ogni minimo dettaglio del progetto.

Alla proiezione dei filmati è dedicata una “nicchia” posta lungo il percorso di visita che offre al visitatore la possibilitł di visionare comodamente i contenuti ma diventa un importante complemento all’allestimento generale offrendo una immagine in continuo movimento, un sottofondo sonoro e un’audioguida agli elementi esposti.

In mostra è presente una scultura di Giuseppe Uncini con la quale si è voluto sintetizzare il rapporto esistente tra un architetto colto come Edoardo Gellner e il mondo dell’arte contemporanea: il modo di trattare le superfici in cemento utilizzato da Gellner nei suoi edifici rimanda alle coeve sperimentazioni sulla plasticità del cemento condotte da artisti quali Uncini, Burri, Fontana e tutto il gruppo degli informali.

In occasione della mostra, sono state inoltre recuperate 7 formelle in cemento del fregio del Palazzo delle Poste realizzate dall’artista altoatesino Claudio Trevi, delle queli tre sono state collocate all’esterno, una presso il bancone informazioni, e le rimanenti tre nel corridoio di passaggio tra le sale.

100 anni di architettura
100 anni di architettura

100 anni di architettura
100 anni di architettura

100 anni di architettura
100 anni di architettura

100 anni di architettura
100 anni di architettura

1/14